Consigli di stile: il cappotto perfetto

Il cappotto è un capo fondamentale per ogni donna, in grado di dare una marcia in più ad ogni look. Imparare a sceglierlo è essenziale per definire il tuo stile e il tuo guardaroba. Ma come capire qual è quello giusto?

Noi di Jenni B. vi proponiamo alcuni consigli di stile per trovare il cappotto perfetto per l’inverno 2020!

 

Nessun uomo ti farà mai sentire così protetta e al sicuro come un cappotto di cachemire.

Coco Chanel

 

Destreggiarsi nella scelta del cappotto ideale è soprattutto una questione di lunghezza. I materiali, i colori, la linea e le tendenze sono importanti, ma non potrai prescindere dalla vestibilità. È la lunghezza rappresenta un metro di giudizio molto importante nella scelta del tuo cappotto per l’inverno.

Quindi: corto, a tre quarti o lungo: qual è il cappotto perfetto per te?

Il cappotto corto

A chi sta bene

Se sei molto alta è assolutamente necessario scegliere un capospalla che slanci la figura. Il cappotto corto si addice proprio a figure non troppo alte: un fisico minuto verrà infatti maggiormente slanciato da un modello proporzionato in lunghezza, che eviterà anche di appesantire la figura. Sono perfetti i tagli vagamente anni ’60, leggermente svasati verso il fondo, oppure con collo alto e linea asciutta.

La lunghezza massima consentita è sopra il ginocchio, ma se non temi troppo il freddo ricorda che il cappotto perfetto per le piccole altezze lascia le gambe in vista!

Se oltre alla poca altezza il tuo fisico è anche minuto, punta su un cappotto dal taglio asciutto, o un doppiopetto. Evita invece modelli oversize, che rischiano di farti sembrare avvolta in un’enorme coperta!

cappotto Kimono

Il cappotto in stile Kimono in maglia intrecciata, che abbiamo realizzato per la collezione A/I 2020.

jenni b.

Si può indossare con una cintura a stringere il punto vita, oppure aperto per sfoggiare un look studiato ad hoc. Le maniche ampie creano bellissimi volumi!

Come abbinarlo

Il cappotto corto risulta elegantissimo se abbinato a un abito al ginocchio, accompagnato magari a un tacco quadrato. Consigliatissimo abbinarlo anche a dei pantaloni a vita alta, magari lasciandolo leggermente aperto in modo da far intravedere il punto vita.

Per quanto riguarda i colori, anche se il nero è sempre un must, in questo caso non è l’ideale perchè restringerebbe ulteriormente la figura! Punta su tonalità più brillanti, oppure un classico color cammello o un bianco chic. Se prediligi invece le nuances scure, punta sulle sfumature più cupe del verde.

Infine, anche i tessuti possono aiutarti ad aggiungere volume a una figura minuta: scegli quelli più morbidi e corposi, fanno decisamente al caso tuo!

cappotto corto stile

Il cappotto corto in lana bouclé di Jenni B., che realizziamo ogni inverno in un’ampia varietà di colori!

jenni B.

Il tessuto corposo è perfetto dare volume a una figura molto esile! Anche il collo ampio, oltre ad essere caldo, aiutare a dare movimento e dinamicità al look!

Il cappotto lungo

A chi sta bene

Vale la regola del cappotto corto, ma al contrario: più si è alte, più il cappotto deve essere lungo. I modelli che arrivano ai piedi donano davvero solo a chi superano 1.65 di altezza, mentre rischiano di rimpicciolire le più basse.  Il cappotto lungo – o lunghissimo – è un capo impegnativo, e per questo è fondamentale individuare il modello giusto. Per un corporatura esile è adatto un cappotto sagomato che segue la figura; per un fisico più formoso preferite invece un taglio dritto – ma non oversize.

Se non sei così alta e non vuoi rinunciare al cappotto lungo, ti consigliamo di indossarlo rigorosamente aperto, su una minigonna o un abito corto.

jenni B. cappotto lungo

L’esclusivo cappotto Lilli in lana cachemire e mohair, per la collezione flash Autunno/Inverno 2019. Un capo unico.

cappotto Jenni B.

Il suo taglio sagomato e asciutto e la sua lunghezza lo rendono adatto a figure piuttosto alte. Ma, se portato aperto con un abito corto, ha il pregio di slanciare qualsiasi figura.

Come abbinarlo

È perfetto indossato con pantaloni sartoriali, bluse in pizzo e gonne a tubino. Nei colori scuri, il cappotto lungo snellisce anche la corporatura all’occhio di chi guarda. Un trucco elegantissimo è quello di abbottonare il cappotto lungo come fosse un abito, lasciando scoperte solo le caviglie.

Il cappotto a tre quarti

A chi sta bene

Puntare sulla via di mezzo è spesso un’alternativa vincente. Infatti il cappotto a tre quarti, con l’orlo al ginocchio, si adatta facilmente a tutte le corporature. I modelli sono molto vari: quelli con cintura, che sottolineano il girovita e sono più adatti a chi non supera l’.165; oppure quelli verticali monopetto che donano alle più slanciate.

cappotto perfetto

Il nuovo cappotto Viola, in mohair e cachemere, in un brillante colore ruggine. Dalla collezione A/I 2020.

L’esclusivo cappotto Miocollo, in lana bouclé, mohair e angora per la collezione flash Autunno/Inverno 2019. Il collo e i polsi in ecopelo di viscosa sono inserti removibili, per una massima personalizzazione.

 

Come abbinarlo

Per indossare correttamente il cappotto a tre quarti è importante bilanciare il resto dell’outfit. In generale, il vestito deve essere della stessa lunghezza del capospalla, o leggermente più corto, in modo da scomparire sotto di esso. Anche gli stivali dovrebbero essere alti, in modo da scomparire sotto l’orlo. Via libera inoltre ai pantaloni, per un look studiato elegantissimo.

cappotto Papavero

Il cappotto Papavero in morbida lana e mohair. L’abbiamo realizzato in una delicata tonalità rosa pastello, per un look autunnale e molto femminile.

cappotto tre quarti Jenni B.

Un morbido e caldo cappotto classico, a tre quarti, disponibile in diversi colori. Da abbinare con una gonna o abito della stessa lunghezza, oppure con pantaloni stretti!

 

Jenni B. vi aspetta nell’atelier di Via Repubblica 44/a (Parma), per trovare il cappotto perfetto per voi. Seguite la nostra pagina Facebook per conoscere tutte le disponibilità e le offerte!

Avatar

Barbara Jenny Lucchina

Barbara Jenny Lucchina, titolare di Jenni B., e stilista diplomata alla Marangoni nel 1994. Esperta di stile.

No Comments

Scrivi un commento